banner

Patata bianca De.Co. di Pietralunga

patate-di-pietralungaPERIODO: Questo tubero viene seminato in piena terra nei mesi di Marzo fino a metà Maggio e la sua raccolta avviene da fine Giugno estraendo le prime patate chiamate novelle, poi da fine Agosto fino a  fine settembre raccogliendo tutte le altre già mature.

INTERESSE-MOTIVAZIONE: La nostra patata bianca di Pietralunga, viene fregiata di una certificazione De.Co (Denominazione Comunale di Origine) e certificazione Bio che la vede  come prodotto tipico di questo territori dove acquisisce particolare sapore e gusto e consistenza dovuto a un terreno molto  ricco di potassio molto friabile priva di ristagni di acqua e ubicato ad una altezza  oltre i 500m.sl.m., la patata bianca di Pietralunga è molto adatta per gnocchi perché molto farinosa, per il purè perché a un basso contenuto di acqua, arrosto e per stufati.

TIPO DI TURISTA: Da anni a Pietralunga si svolge un’importante mostra mercato della patata bianca di Pietralunga che vede sempre più aumentare l’affluenza e l’interesse da parte di famiglie e tantissimi ristoranti anche molto altolocati, durante tutto il periodo della mostra si a l’occasione di poter assaggiare questo prodotto nei diversi ristoranti, oppure direttamente nella nostra azienda.

SERVIZI COMPLEMENTARI: Per poter conoscere meglio questo prodotto il miglio modo è contattare la nostra azienda cosi che possiate conoscere tutte le fasi della produzione.

RICETTE:

GNOCCHI

Ingredienti

1kg di patate bianche

1 uovo

300gr di farina

Sale

Preparazione

Per fare gli gnocchi di patate fatti in casa prendete una pentola e aggiungete dell’acqua. Salatela con un po’ di sale grosso. Quando bollirà, aggiungete le patate con la buccia e lasciatele nell’acqua per 15 minuti finché non saranno cotte. Scolate le patate e lasciatele raffreddare, per far prima potete anche passarle sotto un getto di acqua fredda. A questo punto, togliete la buccia e passatele nel passaverdura. Nel caso non l’aveste, mettetele in una ciotola e schiacciatele bene con una forchetta. Prendete la spianatoia di legno e versate a fontana la farina in modo da formare una montagnetta. Con il pugno della vostra mano fate un buco e dentro metteteci l’uovo intero, il sale e le patate schiacciate. Impastate e lavorate il composto per qualche minuto finché non sarà omogeneo ed elastico e fino a che le patate non appiccicheranno più e le vostre mani rimarranno asciutte. A questo punto, fate delle strisce di pasta, dei salsicciotti lunghi dello spessore di un mignolo, utilizzando tutta la materia che avete. Staccate dei piccoli pezzetti di 2 cm circa e con una forchetta o con il dito indice fate una leggera pressione su ognuno dei pezzi in modo da dargli la forma arrotondata e cava degli gnocchi. Ora, lasciateli riposare per almeno 20 minuti in modo che diventino sodi e compatti. La cottura è velocissima. Dovete prendere una pentola grande e riempirla d’acqua salata. Quando bollirà, aggiungete a poco a poco gli gnocchi che saranno pronti in pochi minuti. Quando saranno venuti a galla, vorrà dire che sono da scolare. Potete poi condirli con varietà di sughi tante o anche con il pesto. La versione classica è con il sugo di pomodoro, un po’ di parmigiano e una foglia di basilico. Buon appetito!

ANEDDOTI

I tuberi ricchi di amido della patata, pianta introdotta dall’America, si diffusero sulle tavole europee solo tra la fine del 700 e l’inizio dell’800, tra la diffidenza di contadini e borghesi che li consideravano rispettivamente cibo per animali e per poveri, e l’opposizione degli studiosi (le parti verdi della pianta sono velenose). A patrocinarli furono in Francia il farmacista Auguste Parmentier e in Italia il fisico Alessando Volta. Ma conquistarono gli europei solo quando questi impararono a cucinarli, salvandosi così dalla carestia di cereali. 

DOVE SI PUO’ ACQUISTARE

Az. Ag. Orti della Valle del Carpina di Carubini Maurizio Voc. Caibianchi 75 cap 06026 Pietralunga Pg.

Contatti: cell 3403243778/0759460263 email: info@ortidelcarpina.it

Sito internet: www.ortidelcarpina.it

Allegati