banner

Tocciata di Pasqua

A Pietralunga il giorno della risurrezione si festeggia con le uova sode.
Nella piazza del paese , torna nel giorno di Pasqua, il gioco della “tocciata”. Tradizione e divertimento a base di uova sode, un antico gioco oggi riproposto dalla Ass. volontari della croce rossa di Pietralunga..

Queste sono le regole del gioco:

Per ogni tornata (batteria) si dispongono in cerchio 10 giocatori e 20 uova sode; si fa la conta per chi dovrà scegliere il primo uovo, poi con in mano un uovo sodo a turno si picchia sull’uovo dell’avversario; il giocatore che rimane con l’uovo intatto continua il giro, l’altro viene eliminato. In passato il gioco consisteva nel portare a casa il maggior numero di uova , che tutt’ora riempono le tasche dei partecipanti, mentre ora viene assegnato un premio simbolico.

In numeri: vengono bollite 1300 uova di cui ne rimangono integre per il gioco circa
1200, si fanno una cinquantina di tornate dalle 10:00 mattina fino a mezzogiorno per arrivare alla finale. Il grande cerchio della finale comprende tutti i vincitori delle singole tornate effettuate, quindi una cinquantina di persone chi vince questo ultimo giro ha in premio, a parte un bel numero di uova anche un bel cesto con prodotti tipici del nostro territorio.

Questo è un gioco per grandi e piccini, ma in più quest’anno si è pensato di creare un piccolo angolo per i bambini creativi, che vorranno imparare a dipingere le uova come si faceva un tempo. Una volta era l’occasione per far divertire i bambini e coinvolgerli nei preparativi della festa oggi la riproponiamo per non dimenticare le nostre tradizioni.

Se rimanete anche il lunedì di pasquetta sarà possibile riscoprire un’altra tradizione del nostro territorio,”Gimo a fa’ la CHIOCCIA”, passeggiata guidata nella Foresta di Pietralunga, con merenda tradizionale sulla’aia a base di uova, tanto per rimanere in tema, torta pasquale e vino e … cioccolata calda (a carico dell’organizzazione), dolci, biscotti e…tutto quello che vorrete portare, a carico dei partecipanti – ogni partecipante è invitato a portare qualcosa da condividere convivialmente.
Quest’anno si passeggerà percorrendo parte dell’antica strada romana, arrivando in un caratteristico e accogliente cortile di un agriturismo locale e degusteremo insieme i piatti tipici pietralunghesi.